Farewell Michael Chapman

Se ne è andato Michael Chapman, eroe folk. Lo ricordo con un aneddoto che dice tutto di lui. Un paio di anni fa gli amici di Backdoor, il festival che abbiamo organizzato per un paio di anni a Castelfranco di Sotto, riescono a portarlo in concerto nel teatro del paese. All’aeroporto di Pisa esce dal gate con solo la custodia della chitarra come bagaglio, gli viene chiesto dove ha il resto e lui dice che tutto ciò che gli occorre è lì dentro. La sua chitarra. L’anima per suonarla ce l’ha addosso, e pochi altri ce l’hanno messa come lui nella storia del folk. Il concerto fu memorabile e mi fissai per mesi con questa canzone, che sentii quella sera per la prima volta dalla sua sua voce burbera ed eppure piena di sogni. Credo molti realizzati, si presagiva standogli vicino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: